TOP

I camionisti? Più stanchi che ubriachi

Più che l’alcol fanno la stanchezza e la distrazione. Questo è il risultato di una ricerca della Volvo Trucks sugli incidenti in cui sono coinvolti mezzi pesanti in Europa. Il comunicato stampa che lo annuncia (Scarica Stanchezza studio di Volvo Trucks) non precisa quale sia il campione utilizzato per questa ricerca né quali siano state le modalità di rilevazione. Certo è che, se i risultati fossero confermati, dovrebbero essere riviste almeno in parte le strategie di controllo sull’autotrasporto, rafforzando la vigilanza sui cronotachigrafi e sulle imprese che mandano in giro autisti facendo loro sforare i limiti nei tempi di guida. I controlli antialcol, poi, dovrebbero essere indirizzati più a chi guida mezzi leggeri, visto che per gli autisti di quelli pesanti l’incidenza dell’ebbrezza tra le cause d’incidente pare essere limitata al 7% dei casi (contro un 25% dei leggeri).

Anche le politiche europee sui dispositivi obbligatori dovrebbero diventare più innovative, accelerando l’introduzione di dispositivi ancora più avanzati di quelli che ora sono considerati avanzati. La ricerca sta continuando in varie forme, tra cui il riporto sul volante dei principali comandi (come quello delle luci): il volante ha dei sensori che consentono di valutare quanto correttamente il conducente aziona questi comandi, il che è indice indiretto di stanchezza.

Sia come sia, sarebbe bello se un giorno ci fosse un ente europeo indipendente ed efficiente che fornisca statistiche approfondite. Servirebbero anche all’industria dei veicoli, che non sarebbe più costretta a farsi propri studi se vuole capire su quali tecnologie puntare di più in futuro.

C’è poi il problema di capire la reale incidenza delle droghe (delle quali non a caso la ricerca Volvo trucks non parla e che invece a volte sono utilizzate proprio per darsi forza nei lunghi viaggi): i controlli (anche quelli ospedalieri post-incidente) sono più difficili rispetto a quelli sull’alcol, perché più laboriosi e perchè ci sono sempre nuove sostanze stupefacenti.

Fonte: mauriziocaprino.blog.ilsole24ore.com

Share
Leggi Tutto
TOP

Un allarme per ogni cosa: dal bimbo lasciato in auto a sonno, alcol e droga. Tutto made in Italy

Le auto moderne più equipaggiate ricordano sempre di più i farmacisti. Ti viene sonno al volante? Ecco sensori e telecamera che se ne accorgono e ti allertano. Ti sfugge quel pedone che sta attraversando al buio? Ecco che quella stessa telecamera manda un impulso che attiva la frenata d’emergenza. Insomma, le funzioni elettroniche più avanzate delle auto di oggi seguono lo stesso schema con cui l’indimenticato Corso Salani descriveva l’attività del farmacista in un momento di sconforto nel Muro di gomma, film sulla strage di Ustica nel quale interpretava il ruolo del giornalista protagonista: meglio lavorare in farmacia, dove devi solo tirare fuori dallo scaffale la medicina per il sintomo che ti descrive il cliente/paziente.

L’idea che a tutto c’è un rimedio elettronico è rafforzata dall’ultimo dispositivo che sta per arrivare: l’allarme che scatta se si lascia un bimbo sul seggiolino. Ora c’è un modello che pare funzionare. Benissimo, anche se mi fa un po’ paura l’idea che l’essere umano debba essere aiutato dall’intelligenza artificiale persino a ricordarsi di aver lasciato il proprio bimbo in auto (anche se per molti la paternità e la maternità sono uno stress patologico e quindi non si può mai dire): passi per le agende elettroniche, i computer e tutto il resto che ci affranca da molte operazioni ma ci disabitua a esercitare funzioni come la memoria e la scrittura. Però fino al punto da ricordarci i bambini…

L’allarme salva-bambini si aggiunge alle telecamere che su alcune vetture tedesche di lusso scrutano a destra e a sinistra mentre si mette il muso fuori da un garage o da un cancello. O ai dispositivi che alcuni inventori italiani stanno sviluppando contro alcol, droga e stanchezza. Sono il riflessometro e Angel. Ne abbiamo parlato tante altre volte, ma ora c’è qualche novità: pian piano, si stanno facendo largo a livello internazionale.
(continua…)

Share
Leggi Tutto
TOP

Canale Italia – 20 Luglio 2012

Share
Leggi Tutto